mezza-recensione-scrausa

L'area principale del Forum, dedicata alla storia e alla musica del famoso complesso di rock progressivo.

mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 14 Jan 2015, 15:31

Non so se in questo forum sia radicata l'abitudine di scrivere un argomento interamente dal proprio punto di vista, una mezza recensione scrausa to', però io lo faccio lo stesso perché ci sono abituata:

Mi sono avvicinata ai Genesis per via della passione musicale che già furoreggiava in famiglia, come penso sia successo a tanti.
Sono andata molto a naso e ho iniziato con Selling England e più che un’idea me ne feci un’impressione, una convinzione più basata sulle tante percezioni ricevute piuttosto che un’opinione definita.
Quello che avvertii all’istante fu la spiccata interattività nella loro musica: è un fenomeno che non ti rimane meramente nella testa e non ti coinvolge solo a livello uditivo, ma è una manifestazione sottile, che sa infilarsi nella tua realtà. La completa sensorialità viene implicata nell’ascolto della loro musica.
Secondo la mia personale teoria questo accade perché il loro obiettivo primo non è la bellezza (in un’intervista di Giammetti, Banks dice a proposito di Supper’s ready: “…Suggerii allora di fermare la canzone dopo una parte davvero romantica e di inserirci questo pezzo, Willow Farm, che era stato scritto da Peter. Sembrava una gran buona idea che dopo una parte bella ne seguisse una davvero brutta. Così la canzone acquistò tutta un’altra dimensione”), o peggio “l’ascoltabilità” della musica, ma la volontà di creare attraverso essa una realtà parallela e una rete di concettualità del pensiero (io parlo degli anni prog, per intenderci).
Questa teoria mi ha abbastanza folgorato una volta nata, perché quando avevo scoperta e apprezzata l’arte contemporanea e concettuale, mi sono iniziata a chiedere perché nella storia musicale non ci fosse stata una rivoluzione artistica di quella portata (se escludiamo alcuni esponenti della musica appunto “contemporanea”, ingiustamente bersagliati, poveri cuccioli), ed ero alla ricerca di qualcosa che non vedesse la musica essenzialmente piacevole e ricreativa. I Genesis mi hanno catturata in questo senso perché usano la caratteristica naturale di canale di comunicazione della musica in modo formidabile e con una sottigliezza e sensibilità che credo nessuno abbia usato in questo senso. I grandi maestri come Schumann, Debussy, Mozart e company riescono a far parlare la musica in modo universale a comunicarci sensazioni complesse, anche fisiche, attraverso il loro genio. I Genesis operano qualcosa di simile, eppure la loro intrusione nella nostra realtà è molto più concreta, è possibile che non operino grandemente ad un livello mentale, ma la pervasione della loro musica nella nostra realtà è qualcosa di enorme, che la fa vivere nel nostro spazio e nel nostro tempo, una collocazione del concetto nella tangibilità senza precedenti. E’ qualcosa che elettrizza, sentire la musica così viva e presente, una mezza droga.
Allo stesso tempo però, oltre a valorizzare la concettualità, per rendere un’esecuzione così reale, c’è bisogno della tecnica, del materiale. La musica Genesis è molto materica, investe moltissimo sui vari sound, con il coraggio di non far emergere per forza ciò che la gente si aspetta di sentire, ma di giocare la loro personalissima partita, e rendendo effetti in secondo piano indispensabili all’unità e alla comunicabilità del brano. In questo campo mi viene subito in mente Steve, del resto è il mio preferito [I8)] , che con il suo lavoro pazzesco di rifinitura e di corrente in sottofondo, è il principale costruttore della ragnatela sulla quale si forma l’intera atmosfera Genesis. Un altro punto fondamentale sono le parole, di come scorrano e diventino così parte effettivamente integrante della resa sonora finale (sempre da Giammetti, Rutherford, a proposito di Watcher of the skies: “ …col tempo ho capito che non basta semplicemente usare le parole giuste, bisogna anche che suonino bene quando le canti”) la compenetrazione tra musica e testo è sorprendente, e credo che nemmeno i Pink Floyd siano riusciti a renderla a questi livelli.
In definitiva, potrei paragonare la loro musica alle sculture di Nino Rollo che fu un grande innovatore, riportando il fuoco di attenzione sulla materia dignitosa di per sé, senza bisogno di significati attribuiti, sui colori e le forme, in un’arte che espresse enorme fisicità, e soprattutto presenza nello spazio. I Genesis sono lo stesso, riescono a collocarsi nello spazio affrancandosi dalla mera astrattualità ma facendola rivivere nel reale, racchiudendo un intero cosmo nello spazio di una canzone.
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Thomas Eiselberg » 14 Jan 2015, 20:28

Certo che questo Selling ha fatto proprio stragi, non sei l'unica che ha cominciato in giovane età proprio da li, io ad esempio come ho scritto altre volte sul forum partìì proprio da quel magico album, avevo circa 13 anni. [;)]

Bell'analisi, sulla parte relativa ai testi hai ragione: in questo periodo stiamo provando qui sul forum l'impresa titanica di tradurre tutti i testi del gruppo e ti assicuro che sebbene a volte possano sembrare senza senso sono invece dei testi complessi e pieni di giochi di parole, significati nascosti, citazioni, onomatopee ecc
C'è un lavoro molto minuzioso dietro, un qualcosa che difficilmente ho trovato in altri gruppi (a parte forse i testi di Fish per i primi Marillion ma l'ispiratore è comunque in un certo senso Peter [:D] ) che invece si concentrano molto più sulla parte musicale o che badano più alla poeticità delle parole e sul come "suonano". Questo naturalmente non significa che i testi chessò dei King Crimson o degli Yes facciano schifo, anzi, ma leggendoli ho spesso la sensazione che siano scritti basandosi su sensazioni, emozioni, sulla sonorità che hanno certe parole, sulla loro poeticità, leggendo invece i testi dei Genesis hai sempre costantemente la sensazione che tentino di dirti qualcosa di particolare, che ci sia molto di più oltre il significato letterale delle parole (ed è così), che limitandosi a prendere per buone certe frasi senza andare ad indagare cosa c'è sotto ci si perde buona parte della grandezza di questo mitico gruppo [:)]
Essi vivono noi dormiamo. Obbedisci, compra, non pensare, il denaro è il tuo dio.

E' buona cosa leggere sempre leFAQ
User avatar
Thomas Eiselberg
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 7475
Joined: 21 Oct 2005, 15:51
Location:

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby aorlansky60 » 15 Jan 2015, 08:49

Belle parole, belle considerazioni, bella analisi; complimenti. [:)]

Anch'io sono uno della "ciurma" di Selling, cioè di quelli che hanno conosciuto questa band tramite SELLING ENGLAND BY THE POUND; come Thomas avevo 13 anni (quasi 14) al tempo quando accadde, e ricordo ancora che si rivelò essere come una folgorazione. Di certo, questo disco ebbe un gran peso nella mia maturazione personale in fatto di comprensione artistica/musicale successiva e futura.

Non conoscendo la lingua inglese non fui assolutamente colpito dai testi (ancora oggi nella musica ascoltata tendo a dare preferenza all'aspetto strumentale rispetto ai testi in caso di songs cantate, poche eccezioni a parte) quanto piuttosto dall'architettura generale della loro struttura musicale e dall'andamento armonico da loro scelto (lo strumentale di CINEMA SHOW è in grado di testimoniare adeguatamente cosa intendo), in cui anche il timbro vocale di Peter Gabriel entrava come un elemento fondamentale a fondersi insieme a basso-batteria-chitarra-tastiera che ne sorreggevano le basi.

I Genesis di allora erano capaci di riempire la mente dell'ascoltatore attraverso l'articolato svolgimento di MOONLIGHT KNIGHT nel crescendo della sua parte iniziale fino all'apoteosi centrale per poi farla precipitare in una visione onirica-bucolica attraverso la sua bellissima lunga coda strumentale finale...

Straordinari.

Altri tempi, altra musica.

Oggi dischi così, con musica simile, con intenti simili, non se ne fanno più.
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 15 Jan 2015, 17:03

Esatto, la questione dei testi e del loro apporto oltre che essenzialmente letterario anche musicale e onomatopeico e' veramente un tema curioso e interessante..io cominciai da selling england e poi the lamb..gli ultimi due album del periodo esclusivamente prof..poi mi avvicinai a trick of the tail e il resto. Adesso mi attira moltissimo Foxtrot, ma io cambio spesso. Vorrei precisare che io commentavo l'aspetto esclusivamente concettuale della musica dei Genesis e non ho parlato della bellezza della musica se'..avevo voglia di dire qualcosa di nuovo, di concentrarmi piu' sulla dimensione spazio-musicale in se'.9 ma questo non toglie che io la trovi assolutamente bellissima..solo per precisare. Non sono un'estremista del concetto.
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 15 Jan 2015, 17:08

Io invece sono ossessivo compulsiva per i testi [:-D] . Li studio spesso perche' mi viene spontaneo di seguirli e cantarci assieme..infatti tipo sul pullman sembro una pazza che parla da sola. [I8)] [:D] . Per la difficoltà penso bisogni basarsi molto sull'interpretazione personale, senza stravolgere il senso e andare oltre il buonsenso ovviamente...però è più bello pensarci su..cose che ho imparato traducendo i Nirvana [:-D] ..mezzo sogno, mezzo incubo... [8:-x]
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Lomba1993thedrummer » 15 Jan 2015, 23:21

Ti faccio anche io i miei complimenti per l'ottima recensione! Siamo quasi coetanei,ho circa 5anni più di te :) . Ritornando alla recensione, devo dire che ti sei espressa talmente bene che non ho nessun chiarimento da chiedere [:D] [:D] .

Io iniziai fin da piccolo con Phil solista (Both Sides per la precisione e una cassetta mista con i vari successi di Phil) ,The Wall e una raccolta dei Roxette... più altre cose che non ricordo!

Quando iniziai con i Genesis iniziai, con Invisible Touch (molti mi odieranno), perchè mio padre lo aveva da ragazzo , e lo ha comprato in CD nel 2007. Poi ho preso il Live Over Europe e poi gli altri ma in ordine sparso. :)
User avatar
Lomba1993thedrummer
Nursery Crymer
Nursery Crymer
 
Posts: 139
Joined: 07 Oct 2010, 17:10
Location: Italy

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby aorlansky60 » 16 Jan 2015, 08:30

"Io invece sono ossessivo compulsiva per i testi"


Evidentemente devi essere particolarmente attratta (anche) dalla letteratura in genere; tornando all'arte musicale, ho compreso nel tempo -evolvendo i miei gusti- che molta, moltissisma musica scritta in vari secoli di storia umana non necessita di testi e parole per arrivare dritta dritta al cuore di chi ascolta, sembra che parli da sola tanto è diretta ed elevata allo stesso tempo. Partendo dal barocco fino al contemporaneo passando per il romanticismo non c'è che l'imbarazzo della scelta; faccio un es. uno dei tanti : qualche sera fà ascoltavo l'integrale dei notturni di Chopin interpretati da A.Rubinstein, una vecchia registrazione RCA Victor... ecco, chi conosce ciò di cui parlo sa bene che non occorre aggiungere altro.

Concetto uguale per quanto riguarda il jazz.

I testi hanno sempre avuto grande importanza nella pop e nella rock music, il problema in questo caso a mio avviso è che la storia ha annoverato davvero pochi talenti colti e letterati -tra tutti coloro che scelsero di intraprendere una carriera nello showbizz- al punto di fornire prose e testi forbiti che escano dall'ordinario che lo stesso pop ha imposto e quasi standardizzato; nessuno riuscirà mai a togliermi dalla testa l'idea che la maggiorparte delle parole adattate come testi per il pop-rock in oltre 50anni di storia siano dozzinali e banali (o anche peggio).
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby obiwan » 16 Jan 2015, 09:41

aorlansky60 wrote:"Io invece sono ossessivo compulsiva per i testi"
qualche sera fà ascoltavo l'integrale dei notturni di Chopin interpretati da A.Rubinstein, una vecchia registrazione RCA Victor... ecco, chi conosce ciò di cui parlo sa bene che non occorre aggiungere altro.


Eh vabbè...i notturni eseguiti da Rubinstein hanno fatto la storia...un po' come quando Glenn Gould esegue Bach [:)]
User avatar
obiwan
Revelator
Revelator
 
Posts: 14
Joined: 10 Dec 2014, 14:26

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby highinfidelity » 16 Jan 2015, 10:17

aorlansky60 wrote:I testi hanno sempre avuto grande importanza nella pop e nella rock music, il problema in questo caso a mio avviso è che la storia ha annoverato davvero pochi talenti colti e letterati -tra tutti coloro che scelsero di intraprendere una carriera nello showbizz- al punto di fornire prose e testi forbiti che escano dall'ordinario che lo stesso pop ha imposto e quasi standardizzato; nessuno riuscirà mai a togliermi dalla testa l'idea che la maggiorparte delle parole adattate come testi per il pop-rock in oltre 50anni di storia siano dozzinali e banali (o anche peggio).


Verissimo. Come non sottoscrivere?

Proprio per questo pero' i Genesis si distinguono, no? Non solo come complesso, ma anche come solisti. Se uno legge Family Snapshot di Gabriel, oppure Thru These Walls di Phil Collins, o ancora Man of Spells di Tony Banks capisce d'essere di fronte ad una piccola opera letteraria, e non solo a un testo buttato giu' tanto per essere funzionale ad una melodia. Ci sono milioni di poesie, stampate e pubblicate come tali su libri conservati in biblioteche di stato, che hanno un valore letterario a mio giudizio di gran lunga minore di quei testi.

Lo stesso vale per buona parte del rock progressivo, anche in ambito italiano. Non sempre i testi sono ben riusciti, ma si capisce comunque che c'e' sempre uno sforzo di comunicare qualcosa che vada oltre la solita canzonetta d'amore o di protesta. I risultati sono talvolta ostici (Balletto di Bronzo) e a volte talmente criptici da essere impenetrabili (Cervello), ma comunque questo sforzo di andare "oltre" lo si percepisce sempre. O almeno molto spesso.
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7035
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby chvfrc » 16 Jan 2015, 14:19

Scattered Page wrote: Steve, che con il suo lavoro pazzesco di rifinitura e di corrente in sottofondo, è il principale costruttore della ragnatela sulla quale si forma l’intera atmosfera Genesis..

concordo su molte cose. non su questa.
Pur amando Steve e il suo modo di suonare, paragonerei i suoi inserti musicali più alle decorazioni che non alla "ragnatela sulla quale si forma l'atmosfera"
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 16 Jan 2015, 14:38

No io invece trovo che il suo lavoro sia fondamentale e non decorativo..il suo background fornisce molto piu' spessore e dimensione alla musica. Salvo poi rimanere scoperto con inserti stupendi, quasi aggressivi a modo loro, come in fountain of Salmacis. Hackett non era uno da fuochi pirotecnici come Van Halen (che tra l'altro l'idea del tapping l'ha presa da Hackett) ma le sue linee arpeggianti nel sottosuolo del sound Genesis le trovo veramente una pietra miliare.
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 16 Jan 2015, 14:39

Grazie Lomba, gentilissimo [:D]
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 16 Jan 2015, 14:41

Wow Chopin eseguito da Rubinstein [8:-x] . Un altro esempio stupendo di musica che parla all'anima e' Sheherazade di Korsakov....trascendentale [8:-x]
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby chvfrc » 16 Jan 2015, 15:29

Scattered Page wrote:No io invece trovo che il suo lavoro sia fondamentale e non decorativo..il suo background fornisce molto piu' spessore e dimensione alla musica. Salvo poi rimanere scoperto con inserti stupendi, quasi aggressivi a modo loro, come in fountain of Salmacis. Hackett non era uno da fuochi pirotecnici come Van Halen (che tra l'altro l'idea del tapping l'ha presa da Hackett) ma le sue linee arpeggianti nel sottosuolo del sound Genesis le trovo veramente una pietra miliare.

forse non ci capiamo.
non sto dicendo che non era o era pirotecnico. Ma che la "ragnatela" come la definisci tu, quindi l'intreccio, la base del pezzo, a mio avviso stesse più tra le dita di tony e mike che non sulle corde di steve.
Vedendo live i pezzi dei genesis, anche rifatti da cover band, ci si accorge di quanto le fondamenta fossero, ancor più che da tony, costruite da mike. Più che in altre band, sia prog che rock
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Scattered Page » 16 Jan 2015, 15:38

Io non volevo dire che la ricchezza del sound fosse tutta nelle sue mani, e forse mi sono espressa male,
non partivo dal concetto del background per ricondurlo a steve, ma partivo da steve per fornire un esempio del lavoro di rifinitura.
Con questo non volevo sminuire tony e mike. [:-I]
"La vostra ingiustizia è peggio del mio materialismo"
Passaggio in India
"Candy came from out on the islands, in the backroom she was everybody's darling, but she never lost her head, even when she was giving head she said hey babe...take a walk on the wild side"
Take a walk on the wild side
"Ritaglio me stesso sui capelli degli angeli e il respiro di un bambino"
Heart-shaped box
(GIVE ME BACK MY ALCOHOL)
Scattered Page
Revelator
Revelator
 
Posts: 29
Joined: 08 Jan 2015, 15:05
Location: bg

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Thomas Eiselberg » 16 Jan 2015, 20:07

Vero che le fondamenta sono opera di Mike e Tony, tuttavia il tutto poi si riduce a quello che per noi è l'essenza del sound Genesis: per me ad esempio è l'intreccio tra le chitarre di Steve e le tastiere di Tony. Questo non significa che Steve sia stato importante quanto Tony e Mike compositivamente o che andato via lui (o prima che arrivasse lui) il gruppo non potesse chiamarsi Genesis, ma che la quintessenza del sound è condensata in questi due elementi, per me [:)]
Essi vivono noi dormiamo. Obbedisci, compra, non pensare, il denaro è il tuo dio.

E' buona cosa leggere sempre leFAQ
User avatar
Thomas Eiselberg
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 7475
Joined: 21 Oct 2005, 15:51
Location:

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby tutucrime » 14 Feb 2015, 21:01

Saró d'altri tempi ma mi inchino allo splendore della recensione.
Ammiro la volontá di andare oltre la bellezza della musica.
Non conosco l'opera dello scultore ma dopo tale citazione andró a documentarmi. Complimenti [8:-x] [8:-x]
tutucrime
Charterhouser
 
Posts: 6
Joined: 13 Feb 2015, 17:37

Re: mezza-recensione-scrausa

Postby Dalex_61 » 26 Mar 2015, 09:09

Anche a me è piaciuto l'intervento di Scattered Page. Credo che abbia centrato la particolarità che rende grande i Genesis: il coinvolgimento emotivo. [:)]
User avatar
Dalex_61
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 3455
Joined: 21 Jun 2006, 14:48
Location: Pompei - NA - Italia


Return to Genesis

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests

cron