Seventh Heaven

L'angolo dell'indimenticato chitarrista degli esordi, oggi musicista di nicchia e oggetto di culto presso il suo pubblico, a lui fedelissimo sebbene non si sia mai esibito dal vivo.

Seventh Heaven

Postby Dalex_61 » 11 Apr 2012, 14:14

Il nuovo doppio album orchestrale e acustico firmato Phillips/Skeet esce il 23 Aprile.
Sul sito di Ant e anche su http://soundcloud.com/antphillips ci sono cinque "assaggi" deliziosi. Se il piatto forte vale l'antipasto, sarà un piacere. [:)]
User avatar
Dalex_61
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 3454
Joined: 21 Jun 2006, 14:48
Location: Pompei - NA - Italia

Re: Seventh Heaven

Postby Dalex_61 » 11 Apr 2012, 14:38

Dal sito di Ant:

April 2012 vede l'uscita di Seventh Heaven - un nuovo doppio album di ritratti acustici e orchestrali di Ant e del compositore e arrangiatore Andrew Skeet.

Nel 2008 fu commissionata ad Ant dalla UPPM la scrittura di una serie di pezzi orchestrali utilizzabili per film e gli fu quindi presentato il compositore e arrangiatore Andrew Skeet, che creò superbi arrangiamenti per i brani. I pezzi orchestrali furono registrati dal Coro e dall'Orchestra Filarmonica della Città di Praga nella loro città nel Dicembre 2008, con l'aggiunta di tracce registrate ai Rak Studios di Londran e nello studio privato di Ant.

Avendo apprezzato il lavoro in comune, Ant e Andrew si riunirono per lavorare su materiale nuovo l'anno successivo. Per questa seconda fase scrissero insieme ulteriori brani e aggiunsero anche arrangiamenti per archi ad alcune composizioni di Ant, pubblicate in versione acustica sul suo album Field Day. I pezzi vennero incisi negli Angel Studios di Londra nell'Ottobre 2009, con Andrew alla direzione di un'orchestra d'archi formata da apprezzati session players.

Un'ulteriore sessione di registrazione con una grande orchestra di 70 elementi si svolse nel Novembre 2011, nei celebri Abbey Road studios di Londra, dove alcuni dei brani già registrati durante le sessioni di Praga furono reincisi. Seventh Heaven contiene materiali di tutte e tre le fasi di registrazione, creando così una collezione straordinaria.

Tra i solisti impegnati nell'album, le cantanti Lucy Crowe e Belinda Sykes, il chitarrista John Parricelli, il violoncellista Chris Worsey, il percussionista Paul Clarvis e il sassofonista e fiatista Martin Robertson, già presnte in numerosi precedenti album di Ant.

Seventh Heaven - lista brani

CD 1

1. Credo In Cantus (voce: Lucy Crowe) 2. A Richer Earth 3. Under The Infinite Sky 4. Grand Central 5. Kissing Gate 6. Pasquinade 7. Rain on Sag Harbour 8. Ice Maiden 9. River of Life 10. Desert Passage 11. Seven Ancient Wonders (voce: Belinda Sykes) 12. Desert Passage (Reprise) 13. Circle of Light 14. Forgotten Angels 15. Courtesan 16. Ghosts of New York 17. Shipwreck of St Paul 18. Cortege

CD 2

1. Credo In Cantus (strumentale) 2. Sojourn 3. Speak of Remarkable Things 4. Nocturne 5. Long Road Home 6. The Golden Leaves of Fall 7. Credo 8. Under The Infinite Sky (versione per Guitar Ensemble) 9. The Stuff of Dreams 10. Old Sarum Suite (Sarabande: Song of The Shires I; The Feast of the Ice Saints; Storm Chaser: The Path To War; The Fleet Assembles: Raising The Standard; Sarabande: Song of the Shires II) 11. For Eloise 12. Winter Song 13. Ghosts of New York (versione per Pianoforte) 14. Daniel's Theme 15. Study In Scarlet 16. The Lives of Others 17. Forever Always
User avatar
Dalex_61
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 3454
Joined: 21 Jun 2006, 14:48
Location: Pompei - NA - Italia

Re: Seventh Heaven

Postby Dalex_61 » 20 Sep 2012, 08:54

Ho finalmente ricevuto e ascoltato "Seventh Heaven". [:)] La prima impressione è positiva: un disco "à la Ant Phillips", rilassato e rilassante, ma anche vario nei tempi e nei suoni. La chitarra a dodici corde si alterna all'orchestra nell'eseguire le melodie, molte delle quali sono ben trovate. L'intesa tra Phillips e Skeet, co-compositore e direttore d'orchestra, mi pare buona, perché non altera il mondo sognante di Ant, aggiungendo giusto un tocco classico che non guasta. L'orchestrazione è lineare, senza i ghirigori che si temono in questi casi, anche se - lo ammetto - qua e là copre un po' troppo le parti acustiche, almeno per i miei gusti. Dopo un ascolto più approfondito, trovando il tempo per farlo, posterò altre riflessioni. Per ora sono contento dell'acquisto. [;)]

Ah... inutile dire che mi piacerebbe leggere i vostri pareri! [^]
User avatar
Dalex_61
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 3454
Joined: 21 Jun 2006, 14:48
Location: Pompei - NA - Italia

Re: Seventh Heaven

Postby Sanvean » 01 Oct 2012, 12:21

Quanta Bellezza c'è in questo disco.
Anthony al proprio meglio.
Armonia, atmosfera, passione, amore, equilibrio...Musica!
Senza tempo, questa è l'immediata impressione ascoltando quello che per me sarà considerato da molti un capolavoro di Anthony.
Temi e spunti, idee ricorrenti, contaminazioni sottese, mai evidenziate, tanta, immensa la cultura musicale che esce dagli altoparlanti.
La dimensione sonora delle Soundtrack è a lui evidente molto congeniale, e fonda anche sulla scelta sempre ottima dei suoi collaboratori in fase di realizzazione compositiva, questa volta è Andrew Skeet, uno che alle prese con l'orchestra mostra un talento ed un gusto fuori dal comune, (per chi conosce i Divine Comedy...lui è il loro arrangiatore)
Non mancano gli episodi acustici (echi da Field Day) ma tutto è perfettamente inserito nel contesto, sempre gradevole all'ascolto, niente sembra stonare, ogni brano è proporzionalmente parte del tutto che è Seventh Heaven.
Bella copertina magrittiana e valida la scelta (riconferma) dei suoi musicisti, Anthony viaggia su livelli molto alti da anni, omai.
“Pathways & Promenades” sembrava esser poter essere il vertice della sua maturazione ed invece...Anthony stupisce ancora una volta, ancora una volta dopo anni di attesa quest'ultima viene premiata e soddisfatta in maniera...totale.
Grazie Anthony, grazie davvero.
Credo di poter dire che valutando ogni prova d'orchestra che gli ex-Genesis a turno abbiano affrontato questa si distingua da ogni altra, per la leggerezza e la semplicità (che non è superficialità) che la contraddistingue, si avverte fin dai primi ascolti un'aria, un respiro, che in opere come Seven o Metamorpheus ad esempio mancano del tutto, segno di una condizione musicale, quella di Anthony, davvero diversissima, per intimismo e ricerca, da quella dei suoi ex-colleghi di gruppo.

Questo è un link dove poter leggere in italiano una interessante intervista ad Anthony, riguarda Seventh Heaven ma non solo.
Buona lettura ma soprattutto...Buon ascolto.

http://www.ilpopolodelblues.com/wp/2012 ... -phillips/
User avatar
Sanvean
Foxtrotter
Foxtrotter
 
Posts: 277
Joined: 26 Jul 2007, 21:07
Location: Melancholia

Re: Seventh Heaven

Postby Dalex_61 » 01 Oct 2012, 15:02

Grazie per il link, Sanvean. [:)] L'ultima frase pronunciata da Ant nell'intervista mi ha riempito di gioia... [8:-x]
User avatar
Dalex_61
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 3454
Joined: 21 Jun 2006, 14:48
Location: Pompei - NA - Italia


Return to Anthony Phillips

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron