and then there were ... two

Un'area dedicata all'esplorazione dell'universo musicale in genere, e degli altri protagonisti del rock progressivo in particolare.

and then there were ... two

Postby Magog » 15 Mar 2015, 12:28

Franco Mussida lascia la Pfm
http://www.repubblica.it/spettacoli/mus ... 109523970/

dopo "Stati di immaginazione" sono ormai anni che veleggiano sullo stantio, sul sentito e risentito quindi spero che la storia della PFM finisca qui.

W la PFM
User avatar
Magog
Lamb
Lamb
 
Posts: 5251
Joined: 13 Jan 2007, 16:46
Location: Italy

Re: and then there were ... two

Postby mgozzy » 15 Mar 2015, 17:39

D'accordissimo con te.
Mi fa un po di tristezza però... [:(]
User avatar
mgozzy
Lamb
Lamb
 
Posts: 1018
Joined: 18 Sep 2009, 09:32
Location: Italy

Re: and then there were ... two

Postby highinfidelity » 16 Mar 2015, 14:30

Mmmmh... bah! [J-,]

Mi sembra un po' strano che un grande musicista lasci l'attivita' che l'ha reso celebre per dedicarsi ad una scuola di musica, di cui al confronto non gliene importa letteralmente niente a nessuno. Sarebbe come se Muti lasciasse i Berliner Philarmonik per dare lezioni private di ocarina. Chi se ne frega dell'ocarina se sei Muti e dirigi i Berliner? [:-j]

Va beh, i veri motivi li sapranno loro.

Naturalmente, nonostante gli anni '70 siano passati da un pezzo, sono molto dispiaciuto da questa notizia. [:(]
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: and then there were ... two

Postby chvfrc » 25 Mar 2015, 08:40

come qualcuno già sa, ovviamente mi dispiace ma preferisco pensare che questo possa dare più spazio a gruppi giovani piuttosto che "pensionati della musica" continuino a occupare un "posto di lavoro"... Poi mi sveglio tutto sudato [J-,]
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: and then there were ... two

Postby highinfidelity » 25 Mar 2015, 11:07

Hai anche ragione ma non mi sembra proprio che i "giovani" stiano proponendo qualcosa di "giovane". Tutto cio' che sento di "nuovo" e' in realta' tremendamente vecchio, e spesso anche molto brutto. Per cui i "vecchietti" continuano a ritagliarsi il loro bravo spazio.

Puo' anche darsi che ci siano dei gruppetti di nicchia che stanno facendo qualcosa di nuovo e dirompente, ma certamente sono molto difficili da scovare (o almeno: io non ci riesco) e non sanno farsi valere.

Comunque fa impressione vedere i ragazzini ascoltare e mitizzare i Led Zeppelin, Jimi Hendrix e i Rolling Stones o, per tornare in argomento, la Premiata Formeria Marconi. E' ormai musica molto piu' vecchia di quanto non fosse per noi lo swing di Frank Sinatra o il rock & roll di Johnny & Santo.

Boh. E' andata cosi'. [:|]

Almeno ci sentiamo un po' meno vecchi! [:D]
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: and then there were ... two

Postby aorlansky60 » 26 Mar 2015, 14:31

"Comunque fa impressione vedere i ragazzini ascoltare e mitizzare i Led Zeppelin, Jimi Hendrix e i Rolling Stones o, per tornare in argomento, la Premiata Formeria Marconi"

Apparentemente potrebbe apparire perfino strano; se ci rifletti a fondo, però, arrivi a darti la risposta. [;)]
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: and then there were ... two

Postby chvfrc » 27 Mar 2015, 11:18

i giovani ci sono, eccome, e sono pure bravi.
ovvio che per motivi di tempo non possono inventarsi cose che sono già state inventate. e se fanno quelle cose già inventate, vengono tacciati di copiare.
poi, altro discorso, i produttori non li sostengono se non fanno musica facile all'ascolto. e dall'altra la gente non ha voglia di andarsi a cercare le cose.
E poi, il mio discorso non era "pfm e c... non fanno bella musica", ma semplicemente "pfm e c. anche se smettono, il loro meglio l'hanno dato".
Riprendere dischi di 40 anni fa è come leggere i grandi classici o splendidi libri di 40 anni fa. non è uno scandalo.
poi, ci sono mostri sacri che continuano a fare ottimi dischi e altri no. non generalizzo. ma non mi straccio le vesti se il mussida di turno decide di smettere...
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: and then there were ... two

Postby Duke59 » 01 May 2015, 23:55

Finale di Concerto1Maggio con PFM ormai priva di Mussida [:(] .
C'era un altro chitarrista a me ignoto (ma bravissimo, ovviamente) più un paio di tastieristi, il batterista che si alterna a Di Cioccio e il "redivivo" Lucio Fabbri.
Ho l'impressione (non di Settembre) che difficilmente usciranno nuove musiche sotto il marchio PFM.
Comunque stasera hanno suonato un brano strumentale a me sconosciuto ma interessante, poi la pubblicità li ha oscurati per un paio di minuti. Tornato il collegamento hanno iniziato Celebration ma sono stati impietosamente sfumati a metà del pezzo. SE questa fosse stata l'ultima esibizione della PFM si tratterebbe di un finale un po' triste.

La cosa che musicalmente mi è piaciuta di più di questo 1 Maggio sono stati i Bluvertigo. Peccato che siano zavorrati dall'ego strabordante di Morgan.
Poi qualche appunto sparso ....
A me la voce di Noemi piace tantissimo ma ci vuole qualcuno che le scriva canzoni degne.
Divertente ed energico J-AX. Non male un Britti più elettrico dell'usuale (suona benissimo, ma perché si ostina a cantare?).
Non impazzisco per reggae e musica etnica in genere per cui mi sono dedicato ad altro durante l'esibizione dei gruppi che cantavano di temi sociali e protesta in genere, (chissà perchè lo fanno inevitabilmente su ritmi di questo tipo, mah ...)
Bregovic divertente per il primo minuto poi ....
Bravi i Lacuna Coil - con la notevole, in molti sensi, Cristina alla voce - ma non impazzisco per il loro gotic metal un po' troppo pesante.
Enrico Ruggeri è partito con un "Mare d'inverno" un po' incerto poi ha presentato un brano (credo) nuovo dal testo interessante. Purtroppo come brano finale ha deciso di suonare "Contessa", una canzone che sentita oggi suona veramente datata in quanto indissolubilmente legata al periodo in cui l'artista indossava occhiali bianchi.
Duke59
Lamb
Lamb
 
Posts: 1097
Joined: 28 Oct 2005, 16:26
Location: Italy

Re: and then there were ... two

Postby mgozzy » 02 May 2015, 09:13

Il brano strumentale era Romeo e Giulietta da PFM in classic
User avatar
mgozzy
Lamb
Lamb
 
Posts: 1018
Joined: 18 Sep 2009, 09:32
Location: Italy

Re: and then there were ... two

Postby Magog » 03 May 2015, 11:38

mgozzy wrote:Il brano strumentale era Romeo e Giulietta da PFM in classic


diciamo che è versione PFM di Montecchi e Capuleti dal Romeo e Giulietta di Prokofiev [:D]

oltre a quel pezzo hanno fatto "la rivoluzione" dall'album Serendipity del 2000 scritta nientePOPPOdi meno che da Daniele Silvestri
e la oramai tristissima Celebration....quando si dice "accanimento terapeutico" [xx(]
User avatar
Magog
Lamb
Lamb
 
Posts: 5251
Joined: 13 Jan 2007, 16:46
Location: Italy

Re: and then there were ... two

Postby Duke59 » 03 May 2015, 12:55

In effetti PFM in classic non l'ho sentito.

Comunque il nuovo chitarrista della PFM si chiama Marco Sfogli ed al suo attivo vanta collaborazioni con James Labrie, cantante dei Dream Theater.

http://www.pfmworld.com/pfm/?p=964
Duke59
Lamb
Lamb
 
Posts: 1097
Joined: 28 Oct 2005, 16:26
Location: Italy


Return to Rock progressivo (e non...)

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests

cron