i Pink Floyd sono prog?

Un'area dedicata all'esplorazione dell'universo musicale in genere, e degli altri protagonisti del rock progressivo in particolare.

i Pink Floyd sono prog?

Postby enrico » 08 Nov 2016, 19:43

c'è chi dice che non lo sono
c'è chi dice lo sono solo con gli album atom heart mother e meddle
c'è chi dice che da atom heart mother in poi sono sempre prog (cioè dall'abbandono della psichedelia)

qual è il vostro pensiero?
User avatar
enrico
Revelator
Revelator
 
Posts: 37
Joined: 08 Oct 2016, 08:54
Location: Palermo

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby Thomas Eiselberg » 08 Nov 2016, 20:12

Eh, la domanda del secolo [:D]

Per me non hanno tutti i torti quelli che li definiscono prog così come pure quelli che non li definiscono prog hanno buone ragioni per sostenerlo. Io appartengo a quest'ultima categoria. I Pink Floyd hanno nei primi anni della loro carriera composto in buona sostanza musica psichedelica, poi hanno semplificato la loro proposta sonora ma sempre entro quel tipo di canoni sonori (musica "da viaggio", con pezzi composti da lunghissime sezioni strumentali spesso cantilenanti e ripetitive, con pochi veri cambi di tempo o di astmosfera anche solo all'interno di pezzi molto molto lunghi). Però anche considerandoli in generale come un gruppo psichedelic rock ritengo che album come Meddle e Atom Heart mother possano rientrare nei canoni del prog: presentano sezioni strumentali piuttosto varie, con cambi di tempo, atmosfere che cambiano all'interno di uno stesso pezzo ecc. Non si tratta di prog sinfonico alla Yes/Genesis/Elp però diciamo che ci possono rientrare in un'accezione più estesa di prog (come ad esempio possono essere considerati prog i Jethro Tull, che però a differenza dei PF, pur prediligendo il folk e il blues, hanno sempre avuto all'interno dei loro album degli elementi inequivocabilmente prog: utilizzo del flauto o del sax all'interno di canzoni con una struttura tipicamente rock e non jazz, tempi dispari ecc.). I lavori successivi a mio avviso perdono quegli elementi che potevano associarli al genere e risultano alle mie orecchie degli album rock con delle venature psichedeliche.

Insomma per me i PF sono stati ANCHE prog (in un'accezione più estesa) ma non lo sono stati in generale: se penso al prog i primi a venirmi in mente non sono loro in buona sostanza
Essi vivono noi dormiamo. Obbedisci, compra, non pensare, il denaro è il tuo dio.

E' buona cosa leggere sempre leFAQ
User avatar
Thomas Eiselberg
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 7471
Joined: 21 Oct 2005, 15:51
Location:

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby highinfidelity » 09 Nov 2016, 09:56

Questo argomento e' stato dibattuto molte volte in thread sparsi qua e la', spesso sotto forma di "inserto" fuori argomento... [:D] Peccato non poterli facilmente raccogliere e riproporre qui in maniera unitaria!

La mia opinione ricalca sostanzialmente quella di Thomas: i Pink Floyd non nascono (affatto) come un gruppo progressìvo, poi più avanti lo diventano (e non ritengo che lo facciano per moda o per furberia: ritengo che lo abbiano fatto onestamente, perche' la ritenevano una strada interessante da esplorare). Successivamente i deliri monotematici di Waters prendono il sopravvento e il progressive viene abbandonato a favore di un rock teatrale con "qualche vena progressiva qua e la". Ritengo inoltre che siano progressìvi anche per letteratura e tradizione: non mi e' mai capitato di leggere un saggio sul rock progressivo in cui non siano citati ed analizzati come appartenenti al genere.

Chi li ritiene "non progressìvi" ha in effetti alcune buone ragioni per sostenere la sua teoria, ma la mia impressione, dopo centinaia di estenuanti discussioni, e' che in generale chi lo fa non lo fa per amor di filosofia ma perche' ha una sua fissazione personale maniacale contro i Pink Floyd (che posso anche capire, ma si fa molto prima a scrivere che i Pink Floyd ti fanno schifo che non a dimostrare che non appartengono ad un genere in cui sono sempre stati collocati, cosi' sei autorizzato a snobbarli).
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7026
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby chvfrc » 17 Nov 2016, 11:59

highinfidelity wrote:
Chi li ritiene "non progressìvi"...lo fa ... perche' ha una sua fissazione personale maniacale contro i Pink Floyd (che posso anche capire, ma si fa molto prima a scrivere che i Pink Floyd ti fanno schifo che non a dimostrare che non appartengono ad un genere in cui sono sempre stati collocati, cosi' sei autorizzato a snobbarli).

non è assolutamente vero.
sono e sono stato un profondo estimatore dei PF ma non per questo ritengo siano prog.
perchè se li metti vicini a qualsiasi gruppo definito prog, non "c'azzeccano" nulla.
I PF secondo me sono uno stile a se, che poi molti hanno ripreso
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1937
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby highinfidelity » 17 Nov 2016, 12:09

Scusa, l'hai letta BENE quella frase? L'hai letta TUTTA? Rileggila, va'.
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7026
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby chvfrc » 17 Nov 2016, 13:27

ah scusa dimenticavo che non sono autorizzato (come chiunque) a sostenere tesi diverse dalle tue.
calma eh...
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1937
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: i Pink Floyd sono prog?

Postby highinfidelity » 17 Nov 2016, 14:46

Non l'hai riletta. La frase si apre con <<Chi li ritiene "non progressìvi" ha in effetti alcune buone ragioni per sostenere la sua teoria>>. Mi sembra chiaro come concetto. No?

Non si tratta di diritto di criticare o meno, e' che secondo me quando si vuole criticare qualcosa e' necessario prima di tutto essere sicuri di avere letto bene e con attenzione e di avere anche ben compreso che cosa si intende criticare. Le polemiche "a caso" tanto per far polemica non mi piacciono. A dire il vero credo che non piacciano a nessuno.
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7026
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino


Return to Rock progressivo (e non...)

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron