Acqua Fragile.

Date sfogo alla vostra arte letteraria commentando gli album piu' interessanti che avete ascoltato di recente.

Acqua Fragile.

Postby highinfidelity » 01 Jul 2016, 09:05

Di quando in quando torno a segnalarvi alcune interessanti ristampe dal vastissimo repertorio del rock progressivo italiano. E' il turno di Acqua Fragile (1973), primo disco del complesso omonimo, ristampato dalla Sony e distribuito dalla "solita" BTF.

So che esistono esemplari di questo disco (forse solo la prima stampa?) apribili in quattro, sebbene personalmente non ne abbia mai vista una:

Image

Naturalmente dimenticatevela: il disco e' stato ristampato ad anta apribile, con i due riquadri "di sotto" stampati all'interno, in 2^ e 3^ di copertina. E questo forse c'era da attenderselo. La Sony pero', per qualche ragione, ha anche massacrato la classica etichetta italiana "Numero Uno", e ha stampato il disco con un'etichetta verde pisello praticamente vuota. Solo in un'angolino si trova una microscopica scritta "Numero Uno". Forse sarebbe meglio che di queste ristampe non si occupassero le grandi majors, ma le consuete aziende artigianali mosse da autentica passione per i dischi.

Per chi non lo sapesse, Acqua Fragile e' cantato in lingua inglese da Bernardo Lanzetti - una delle migliori voci del progressive italiano - che entrera' in seguito nella Premiata Forneria Marconi. Come di consueto, la scelta della lingua straniera ebbe l'effetto di frenare la diffusione del disco in Italia e contemporaneamente di non favorirne le vendite all'estero. Il primo lato del disco puo' essere considerato in sostanza un omaggio ai grandi nomi del progressive inglese del periodo. Il brano d'apertura, Morning Comes, ricalca passo-passo la struttura della "nostra" The Musical Box, con tanto di duelli chitarra-organo, devo dire meno riusciti di quelli tra Banks e Hackett anche per una certa approssimazione nell'incisione. In Comic Strips gli Acqua Fragile si calano invece nei panni dei Gentle Giant e dei loro tipici ritmi intrecciati su sonorita' canterburiane. L'ottima voce di Lanzetti, che molti collegano alla rochezza di Peter Gabriel o al vibrato di Roger Chapman (entrambe le somiglianze sono ben percepibili) e' sempre in primissimo piano, forse persino un po' troppo rispetto agli strumenti del complesso, ma certamente caratterizza fortemente questo disco rispetto al mare magnum del progressive tricolore. Curioso, poi, trovare un brano come Science Fiction Suite, dove il complesso crea intrecci vocali in stile Crosby, Stills, Nash & Young; fuori genere rispetto al resto del materiale dunque, pero' indicativo delle notevoli abilita' non solo strumentali ma anche canore dei musicisti (fatto, quest'ultimo, assai raro nel progressive nostrano).

Il disco e' anche acquistabile per corrispondenza qui.

Scusate l'immagine-francobollo ma non e' stato messo a disposizione niente di meglio!

Image
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7035
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: Acqua Fragile.

Postby Thomas Eiselberg » 01 Jul 2016, 10:46

Non li conosco, devo dire di essere sempre stato allergico al progressive italiano (non c'è un motivo particolare, a livello musicale certi pezzi sono bellissimi ma il cantato, spesso con voci non eccezionali, mi rovina tutto. E' un mio limite) ma in questo caso il cantato è in inglese e Lanzetti è sempre stato una garanzia. Molto interessante, bel "ripescaggio" [:)]
Essi vivono noi dormiamo. Obbedisci, compra, non pensare, il denaro è il tuo dio.

E' buona cosa leggere sempre leFAQ
User avatar
Thomas Eiselberg
GLOBAL MODERATOR
GLOBAL MODERATOR
 
Posts: 7475
Joined: 21 Oct 2005, 15:51
Location:

Re: Acqua Fragile.

Postby highinfidelity » 01 Jul 2016, 13:39

No, no... non e' un tuo limite, e' un dato oggettivo: la maggioranza dei gruppi di rock progressivo italiano non avevano nemmeno un cantante vero e proprio. Nella maggior parte dei casi il chitarrista o il bassista si improvvisavano vocalist, con risultanti che definire "altalenanti" e' poco. In un certo senso, infatti, i gruppi che raggiunsero un grande successo conicidono con quelli che, eccettuando a questa regola, avevano in formazione una voce solista veramente di razza (Orme, PFM, Area, ecc...).

Dopo un po' comunque e' un aspetto a cui si fa' l'abitudine, e quasi non ci si bada piu'. [:D]

In merito agli Acqua Fragile, che con Lanzetti erano messi decisamente bene, di norma ti vedresti consigliare il secondo album (Mass Media Stars, quasi unanimemente considerato migliore rispetto al primo) sempre molto genesisiano anche se piu' nervoso e caratterizzato da un'incisione molto acuta che affatica un po' all'ascolto. Io vado un po' controcorrente e sono quantomeno indeciso tra i due. Mass Media Stars e' piu' originale e adulto, Acqua Fragile e' piu' ingenuo e citazionistico, ma forse per la stessa ragione piu' affascinante. In ogni caso anche Mass Media Stars e' disponibile sul catalogo BTF:

Image
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7035
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino


Return to Recensioni

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron