Chepeccato...

Volete parlare d'attualita', di sport o di argomenti che non hanno a che fare con i Genesis? Fatelo qui. Educazione e basso profilo sono obbligatori.

Chepeccato...

Postby chvfrc » 20 Jun 2014, 11:14

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/20/rai-3-andrea-vianello-rottama-licia-colo-non-condurra-piu-alle-falde-del-kilimangiaro/1034127/

non so chi abbia ragione e chi no. So solo che la lei è una delle POCHISSIME conduttrici che mi sta simpatica
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: Chepeccato...

Postby highinfidelity » 20 Jun 2014, 13:28

Ah, che peccato. Era una delle poche trasmissioni a cui davo sempre volentieri un'occhiata quando ancora avevo la televisione. Sempre pacata, fatta con gente normale e non con i puttanoni che ormai si vedono d'abitudine anche a trasmissioni un tempo considerate "di famiglia" come la ruota della fortuna o quella boiata dei pacchi. Pacata come d'altra parte era (e') Licia: una persona cortese, garbata e gradevole, che era sempre un piacere vedere. Forse il problema e' proprio quello: vogliono introdurre un po' di risse alla Maria De Filippi, un po' di zoccolame e un po' di VIP inutili (che piacciono tanto al popolino, e poi son soldi che girano, vuoi mettere?).
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: Chepeccato...

Postby chvfrc » 20 Jun 2014, 13:44

concordo in pieno
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: Chepeccato...

Postby aorlansky60 » 20 Jun 2014, 13:46

Marco wrote :

"...vogliono introdurre un po' di risse alla Maria De Filippi, un po' di zoccolame e un po' di VIP inutili (che piacciono tanto al popolino, e poi son soldi che girano, vuoi mettere?)."

come se non ce ne fossero già abbastanza di schifezze teletrasmesse come quelle che hai citato, e non solo in palinsesto Rai purtroppo... poi ti spieghi come mai il popolo italiano è ridotto a livello di poter essere definito "popolino"... non capirò mai se il popolo italiano è diventato deficiente per quello che guarda in tv, oppure se la media da tempo già lo era da richiedere a gran voce trasmissioni deficienti... [:-!]
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: Chepeccato...

Postby chvfrc » 20 Jun 2014, 13:52

come sempre, non c'è una motivazione unica ma una serie di concause. La tv ha contribuito moltissimo imho, ma la tv la fanno gli italiani, non degli stranieri o extraterrestri... Un po come la politica e i politici. Sono eletti da italiani e sono italiani. Abbiamo quello che ci meritiamo. L'ho sempre pensato e sempre lo penserò.
E le eccezioni, come sempre, stanno lì a confermare la regola. In tv e in politica
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: Chepeccato...

Postby aorlansky60 » 20 Jun 2014, 14:05

@chvfrc : il tuo ragionamento non fa una grinza; specie quando affermi "abbiamo ciò che ci meritiamo"; il problema è che alla fine ci prendono male anche quelli fuori dal coro, quelli cioè che tanto per restare in tema teletrasmissioni, anzichè richiedere a gran voce "tette, gambe & c." + "vip e furiosi litigi in diretta" vorrebbero vedere tutt'altre materie e ben altra qualità di visione.
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: Chepeccato...

Postby chvfrc » 20 Jun 2014, 14:17

essendo la minoranza, non hanno potere sufficiente per cambiare le cose. in tv e in politica
User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)

Re: Chepeccato...

Postby highinfidelity » 20 Jun 2014, 14:17

Certo, e' un po' il problema dell'uovo e della gallina...

L'idea che mi sono fatto e' che dopo la seconda guerra mondiale, forse per reazione al fascismo (lo confermerebbe il fatto che abbiamo rivisto una parabola simile piu' recentemente in Cile e in Spagna), c'e' stato un periodo in cui la cultura era vista come necessaria e come un punto d'arrivo: chi aveva cultura era rispettato e, in senso positivo, invidiato. Il picco lo si e' raggiunto negli anni '60 - '70 in cui addirittura andava di moda far finta di essere intellettuali anche se si era ignoranti come delle capre. Poi, con gli anni '80, questa spinta e' fatalmente venuta meno. Per noia, perche' si era giunti all'eccesso, perche' era fisiologico, perche' il nuovo dio era il denaro, per tutta una serie di ragioni. Oggi siamo al delirio: m'e' capitato in alcune occasioni d'essere sfottuto e fatto oggetto di lazzi perche' mi sono laureato col massimo dei voti in una materia scientifica molto difficile. Un tempo nessuno si sarebbe permesso di fare una cosa del genere, neanche per scherzo.

Certamente la TV commerciale e' stata il colpo di grazia d'un processo che pero', secondo me, era gia' in corso. La sua vera colpa e' che, volendo, avrebbe anche potuto contrastarlo o invertirlo, se solo ci fosse stata una classe politica e dirigente colta, illuminata e lungimirante che avesse dettato delle linee di indirizzo ben precise. Ma questa e' palesemente venuta meno proprio in quegli anni (e questo, ahime', e' invece un dato autoevidente su cui non merita far discussione alcuna...).
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: Chepeccato...

Postby aorlansky60 » 23 Jun 2014, 07:45

Una volta tanto, credo che l'italia non si meriti il voto peggiore in fatto di trasmissioni televisive, almeno per quanto riguarda gli ultimi 15-20 anni di storia : tutte le serie proposte sono generalmente originate all'estero -una su tutte "il grande fratello"- specie dagli USA (quando ancora ero abbonato sky, ogni tanto scorrevo i vari canali tematici sull'argomento ed è incredibile il trash che ne trasudava, almeno ai miei occhi...) il che mi porta a pensare che anche da quelli parti il quoziente intellettivo latiti particolarmente e che ciò che manda in visibilio il pubblico americano è poi applicato come modello di successo da veicolare in altri paesi tra i quali anche il nostro.

Nulla di che stupirsi. Almeno per me risulta tutto molto chiaro.

Ciò che sogna ogni sistema, anche non dichiaratamente di regime ma opportunamente mascherato da democrazia, è quello di avere milioni di sudditi che producono e consumano per sostenerlo, e soprattutto CHE PENSANO POCO O PER NIENTE CON LA PROPRIA TESTA (dato che nella testa non vi è rimasto nulla per "pensare"). Come realizzare questo? molto semplice : anestetizzare i propri sudditi; nella prima metà del 900 il progresso tecnologico promosse la radio da estendere a larghe fascie di consumo; notevole, ma ancora troppo poco, però; questo mezzo non possedeva il tremendo potenziale del suo successore mediatico di qualche decennio futuro.

Comè che si desidera ??? con la vista.

Senza ombra di dubbio, il mezzo televisivo nella storia recente della civiltà umana si è rivelato come uno degli strumenti più mostruosi (di certo il più SUBDOLO) al servizio del sistema per realizzare ciò che il sistema cerca di ottenere. Pochi hanno davvero idea di come le immagini -certe immagini- video trasmesse possano "lavorare" nel cervello di coloro che guardano, soprattuto agli occhi e verso le menti delle generazioni giovani, quelle maggiormente influenzabili. Ma anche quelle più adulte non sono scevre da potenziale assoggettamento.

Aggiungiamoci anche che rispetto a 40-50anni fà, almeno nel nostro paese attraverso la Rai (non so come fosse all'estero ma il tutto mi porta a pensare che non fossero molto lontani dalla nostra realtà in fatto di tv) vi era anche un minimo di sano auto-controllo e pacatezza di modi e di scelte; al giorno d'oggi -ma potrebbe benissimo trattarsi anche di 15/20anni fà- si assiste ad un delirio irrefrenabile di modelli comportamentali progressivamente idioti, e con questo la frittata è servita.
...AMA TUTTI, CREDI A POCHI, NON FAR MALE A NESSUNO...
User avatar
aorlansky60
Lamb
Lamb
 
Posts: 8422
Joined: 30 May 2006, 07:17
Location: Parma, Italy

Re: Chepeccato...

Postby highinfidelity » 23 Jun 2014, 08:18

Concordo con te, Alain, pero' purtroppo penso anche che si tratti dei proverbiali due lati della stessa medaglia.

Mi spiego meglio: un tempo molti programmi televisivi erano "fatti in casa" qui da noi. Molti erano originali, altri piu' o meno scopiazzati ma comunque adattati al gusto e alla cultura (in senso lato) che un tempo ci contraddistinguevano. Un esempio su tutti: e' ovvio che il purtroppo scomparso e mai sufficientemente rimpianto canale Videomusic si ispirava ad MTV, ma era centomila volte meglio; soprattutto alla sera c'erano trasmissioni dal taglio culturale degne di un Jazz Club d'alto livello. E di giorno, comunque, lo si poteva accendere in qualunque momento certi di non trovarci immondizia o situazioni imbarazzanti.

Oggi su MTV passano direttamente in onda le idiozie anglo-americane, senza nemmeno una rapida scrematura su cosa possa piacere o meno. Un rapido doppiaggio alla bell'e meglio e via in onda. C'e' tutta una serie di telefilm e "reality" sui ricchi adolescenti americani che sono pura immondizia distillata. Ciliegina sulla torta, ho letto che a breve sara' trasmesso una specie di reality con - udite udite - nientepopodimeno che Lindsay Lohan, personaggio inutile con fortissime connotazioni negative di cui le cronache si dovrebbero occupare il meno possibile.

Persino in RAI, sono nettamente degradate pure le trasmissioni di cui un tempo ci si poteva fidare ad occhi chiusi, come ad esempio Ulisse di Alberto Angela, che e' stato trasformato da splendido documentario monografico e molto ben approfondito, in uno di quei pot-pourri all'acqua di rose tipo Kazzenger, per di piu' tutto a base di filmatini parascientifici di chiara provenienza statunitense. Della serie: potremmo parlarvi di scienza, ma invece vi stupiremo con effetti speciali e colori ultravivaci. [:(]
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: Chepeccato...

Postby Duke59 » 23 Jun 2014, 08:41

Non che stravedessi per la trasmissione della Colò (di filmatini di turisti di ritorno dalle Maldive o dalla Polinesia ne ho visti da averne ormai fin sopra i capelli), però certamente lo stile della trasmissione era pacato, d'altri (bei) tempi.

E a proposito della macedonia incontrollata di trash che ci circonda capita a proposito una bella canzone di Gaber-Luporini, SEMPRE valida.

"SI PUO' " (Gaber - Luporini) tratto da "Libertà obbligatoria"

Si può
si può
si può, siamo liberi come l'aria
si può
si può, siamo noi che facciam la storia
si può.

Si può, io mi vesto come mi pare
si può, sono libero di creare
si può, son padrone del mio destino
si può, posso mettermi un orecchino.

Si può, fare critiche dall'esterno
si può, sputtanare tutto il governo
si può, non far uso dei congiuntivi
si può, siamo liberi e trasgressivi.

Basta uno spunto qualunque
e la nostra fantasia non ha confini
basta un pennello, un colore
e noi siamo pronti
a perpetuare la creatività dei popoli latini.

Si può, fare i giovani a sessant'anni
si può, regalare i blue-jeans ai nonni
si può, in ignobili trasmissioni
si può, schiaffeggiarsi come coglioni.

Si può, far politica coi fumetti
si può, divertirsi con Andreotti
si può, con la satira che straripa
si può, fare il verso persino al papa.

Con quella vena di razza italiana
che è vivace e battagliera
è naturale che poi siamo noi
che possiam cambiar tutto
a patto che si lasci tutto come era.

Si può, siamo liberi come l'aria, si può
si può, siamo noi che facciam la storia, si può
libertà, libertà, libertà, libertà obbligatoria.

Sono assai cambiato, sono così spregiudicato
sono infedele, sono matto, posso far tutto.
Viene la paura di una vertigine totale,
viene la voglia un po' anormale di inventare una morale
utopia, utopia, utopia-pia-pia.

Si può, ignorare gli intellettuali
si può, fare il tifo per gli animali
si può, far la guerra per scopi giusti
si può, siamo autentici pacifisti.

Per ogni assillo, rovello sociale, sembra che la gente goda
tutti che dicono la loro, facciamo un bel coro
di opinioni fino a quando il fatto non è più di moda.

Si può, rovesciare la notte e il giorno
si può, eccitarsi con un film porno
si può, patteggiare sulla galera
si può, ricantare "Faccetta nera".

Si può, trasgredire qualsiasi mito
si può, invaghirsi di un travestito
si può, consultarsi con una strega
si può, farsi ognuno una bella lega.

In questa tua libertà illimitata
di espressione e di parola
l'unica rivoluzione che noi abbiamo fatto
ha un difetto:
è la rivoluzione della Coca-Cola.

Si può, siamo liberi come l'aria, si può
si può, siamo noi che facciam la storia, si può.

[parlato] Ma come? Con tutte le libertà che avete, volete anche la
libertà di pensare?

Utopia, utopia, utopia-pia-pia.

Libertà, libertà, libertà, libertà,
libertà, libertà, libertà, libertà,



Ne consiglio anche la visione su Youtube, la mimica di Gaber durante l'esecuzione del pezzo è davvero esilarante
Duke59
Lamb
Lamb
 
Posts: 1097
Joined: 28 Oct 2005, 16:26
Location: Italy

Re: Chepeccato...

Postby highinfidelity » 23 Jun 2014, 10:56

Come per tutte le persone che hanno il dono di saper leggere dentro la societa' e vedere amplificato ogni accenno di cambiamento, l'acume di Gaber era tale da rasentare la previsione del futuro.

Come vorrei che in questa occasione di fosse sbagliato! [':-|]
<< Conoscete voi spettacolo più ridicolo di venti uomini che s'accaniscono a raddoppiare il miagolìo di un violino? >>
(Luigi Russolo, Intonarumorista. 1913.)
________________________

In dubbio, consultate le FAQ
User avatar
highinfidelity
ADMINISTRATOR
ADMINISTRATOR
 
Posts: 7034
Joined: 02 Jul 2003, 23:54
Location: Torino

Re: Chepeccato...

Postby chvfrc » 27 Jun 2014, 16:24

User avatar
chvfrc
Lamb
Lamb
 
Posts: 1940
Joined: 09 Sep 2010, 06:42
Location: Fossano (CN)


Return to L'ultima spiaggia

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests

cron